Si pubblica interessante ordinanza ottenuta dal Prof. Avv. Michele Rondinelli presso il Tribunale di Sondrio, con la quale il giudice ha rigettato l’istanza ex art. 186-ter c.p.c. formulata dall’istituto di credito e, contestualmente, ha disposto rinvio ex art. 183 co.6 c.p.c.
In particolare, il giusdicente ha motivato il provvedimento ritenendo che:
• Per quanto concerne il contratto di mutuo ipotecario, si ritiene che “non vi sia certezza del credito oggetto d’istanza della Banca”, in quanto a fronte di una richiesta pari a € 665.991,63 dal piano di ammortamento prodotto si evince un credito residuo pari a € 617.990,32;
• Per quanto concerne il contratto di conto corrente e di apertura di credito, si ritiene che “dalla valutazione complessiva […] allo stato non emerge con certezza il credito come azionato dalla banca, profilandosi la necessità di un’istruttoria […]”.

Di seguito, il provvedimento de quo

Scarica il Documento
http://www.centrostudisdl.com/wp-content/uploads/2015/07/Tribunale-di-Sondrio-20LUG.pdf