Commento a Cassazione, 2 luglio 2014 n., 15135 sul divieto di anatocismo

L’anatocismo trimestrale (applicazione di interessi su interessi) applicato dalla banca al conto corrente non può essere sostituito con anatocismo di diversa periodicità, per esempio, annuale, anch’esso illegittimo.

Secondo le Sezioni Unite va escluso un uso normativo atto a giustificare una deroga ai limiti posti all’anatocismo dall’art. 1283 c.c., per difetto del requisito della normatività di tale pratica.

Il problema economico-contabile che sottende la disciplina normativa è collegato al fatto che, dato un determinato tasso nominale di interesse annuo, l’applicazione degli interessi sugli interessi scaduti (la c.d. capitalizzazione) comporta un innalzamento effettivo del tasso nominale, tanto più elevato quanto più ravvicinati tra loro siano i “periodi” di capitalizzazione presi in considerazione.

Ad esempio, un tasso nominale del 10% annuo con la capitalizzazione semestrale comporta un tasso effettivo annuo al 10,25% mentre con capitalizzazione trimestrale il tasso annuo effettivo è pari al 10,38%.

La normativa codicistica pone il generale divieto di anatocismo, permettendolo solo a determinate condizioni e con salvezza degli “usi contrari”.

La giurisprudenza di legittimità aveva sostenuto (fino al marzo 1999) che le c.d. norme bancarie uniformi Abi avessero natura normativa, sostenendo che tale qualificazione potesse essere il frutto di un’indagine diretta sugli usi normativi da parte della Corte di legittimità, la quale ne poteva accertare l’esistenza (essendo usi “normativi”) indipendentemente dalle allegazioni delle parti e dalle considerazioni svolte in proposito dai giudici del merito (iura novit curia) – La sentenza capostipite di tale orientamento va individuata in Cassazione n. 6631/1981.

In seguito, tuttavia, due innovative ed autorevoli pronunzie della Corte di Cassazione (n. 3096/1999; 2374/1999) rispettivamente della I e III Sezione civile hanno completamente capovolto il precedente orientamento.

La Corte ha escluso che le c.d. norme bancarie uniformi (che prevedono una capitalizzazione trimestrale degli interessi dovuti dai clienti) potessero avere natura normativa, evidenziandone la natura esclusivamente pattizia ed argomentando dalla documentata “non esistenza” di un tale uso consuetudinario nel 1947 (Commissione speciale permanente presso il Ministero dell’Industria) e dal fatto che di tale uso si è fatto cenno, per la prima volta, solo nel 1952.

La sentenza C. 2374/1999 ha fermamente sancito la nullità della clausola di previsione della capitalizzazione trimestrale, in quanto anteriore alla scadenza degli interessi stessi.

L’orientamento della Cassazione appare essersi definitivamente consolidato con la pronunzia a Sezioni Unite n. 21095/2004 la quale ha precisato che, in sede di esegesi dell’art. 1283, la giurisprudenza della primavera del 1999, ponendosi in consapevole e motivato contrasto con pronunzie del ventennio precedente, ha enunciato il principio per cui gli “usi contrari”, idonei ex art. 1283 a derogare il precetto ivi stabilito, sono solo gli “usi normativi” in senso tecnico.

Di conseguenza, la nullità delle clausole bancarie anatocistiche, la cui stipulazione risponde ad un uso meramente negoziale, incorre quindi nel divieto di cui al citato art. 1283 c.c.

Ne discende che è erroneo trarre la conseguenza che, nel negare l’esistenza di usi normativi di capitalizzazione trimestrale degli interessi debitori, quella medesima giurisprudenza avrebbe riconosciuto la presenza di usi normativi di capitalizzazione annuale a cui invece vanno applicati gli stessi principi in tema di capitalizzazione trimestrale.

Secondo l’evoluzione storica dell’istituto e dal D.M. 24 aprile 1992, nel prevedere per la Banca d’Italia il potere di emanare istruzioni per determinare la metodologia di calcolo degli interessi e degli altri elementi che incidono sul contenuto economico dei rapporti, si è stabilito che i tassi d’interesse devono essere indicati al valore nominale ed essere riportati su base annua, con indicazione della periodicità di capitalizzazione.

Ma è erroneo il fatto che la chiusura periodica del conto con liquidazione del saldo e conseguente trasformazione in capitale deve operare paritariamente e, nella specie per gli interessi liquidati in favore del cliente, era prevista la capitalizzazione annuale.

Ne discende che l’anatocismo trimestrale non può essere sostituito con uno di altra periodicità.

Avv. Massimo Meloni

Segue allegato.

Scarica il Documento
http://www.centrostudisdl.com/wp-content/uploads/2014/07/Cassazione-15135-Caricata-il-08.07.141.pdf