Vi estendiamo, nell’ottica di costante aggiornamento giurisprudenziale in ambito di anomalie bancarie, la sentenza di cui all’allegato emessa dal Tribunale di Reggio Emilia (g.i. dott.ssa Simona Di Paolo) pubblicata il 23/02/2016.

Si tratta di sentenza emessa a seguito di eccezione di incompetenza territoriale in opposizione ad un d.i., il magistrato ritiene l’eccezione fondata e revoca conseguentemente il decreto ingiuntivo opposto. Le ragioni sottese a tale pronuncia sono, secondo il magistrato, da rinvenirsi nel fatto che l’obbligazione principale era garantita da fideiussione: sebbene il contratto di apertura di credito fosse stato stipulato da un “professionista/artigiano”  il contratto accessorio di fideiussione è stato contratto dall’opponente in qualità di consumatore (il giudice cita l’ordinanza C-74/15 della Corte di Giustizia dell’UE e la Cassazione ord. n. 2543/15). Il d.i. ingiungeva infatti al debitore principale e al fideiussore IN SOLIDO tra loro il pagamento e l’opposizione era però stata proposta dal solo fideiussore.

Scarica il Documento

Tribunale-di-Reggio-Emilia-3AGO